martedì 7 agosto 2012

Il velo da sposa. Forse non tutti sanno che...

Buongiorno a tutti! Che state combinando di bello? Siete spaparanzati al sole in riva al mare? State scarpinando su suggestivi sentieri di montagna? Qualunque cosa stiate facendo, spero che siate in vacanza e vi stiate riposando al massimo! Io sto sfruttando al massimo queste vacanze, "faccio cose, vedo gente"...e mi documento per poter scrivere tantissimi post sul blog al mio rientro!

Giusto per non perdere del tutto il ritmo, eccomi qui con un nuovo post, stavolta dedicato al velo da sposa.

Fonte: Google
Forse non tutti sanno che il velo ha una forte valenza simbolica: servirebbe infatti a proteggere il candore della futura sposa, a ripararla dagli spiriti maligni invidiosi. In passato, quando i matrimoni erano combinati, il velo da sposa serviva a nascondere la futura sposa agli occhi del futuro marito fino alla fine del rito, quando ormai non si poteva più ritrattare (della serie...acquisto a scatola chiusa! Niente "soddisfatti o rimborsati"!).

Nell'antica Roma il volto della futura sposa si copriva con un velo rosso, colore della modestia, ma successivamente i cristiani, nel terzo o quarto secolo, ne cambiarono il colore facendolo diventare bianco.

Oggi il velo ha ormai perso queste valenze simboliche ed è più che altro diventato un bellissimo accessorio dell'abito, che dà alla sposa un'aria sofisticata, un tocco di romanticismo e mistero. In chiesa svolge anche l'utile funzione di coprire le spalle in caso di abiti scollati o sbracciati.

Il velo da sposa dovrà essere adeguato al vestito scelto. Suggerisco di evitare veli troppo ricchi ed elaborati se già l'abito è molto importante. Perfetto invece arricchire un abito semplice con un velo importante, in modo da rendere l'abito più prezioso.

This is me!
Il galateo del matrimonio ricorda che la lunghezza massima del velo dev'essere di 3 metri, salvo che nei matrimoni di gran gala, in cui ci saranno le damigelle a reggerlo. E ricordate, vale la regola del contrario: se il velo è in pizzo, non lo sarà l'abito, e viceversa (abito in pizzo, quindi niente pizzo nel velo!).

Così è troppo!!!
Visto che quest'autunno molto sposine 2013 inizieranno a guardarsi intorno alla ricerca del proprio abito da sposa, voglio dare a tutte un consiglio (e parlo per esperienza personale): se pensate che voi il velo no, proprio non lo volete...beh, quando andrete a fare le prove dell'abito, provate a vedere come vi sentite (e vi vedete) con indosso l'abito dei vostri sogni ed il velo. Magari potreste cambiare idea...io ho fatto così, pensavo di non volere il velo, ma poi, una volta indossato e data la semplicità dell'abito, mi sono resa conto che il velo era proprio ciò che mancava per rendere il tutto assolutamente perfetto!

Sempre io, col parrucchiere all'opera per fissarmi il velo
Chi di voi invece si è già sposata ha optato per il velo oppure no? Raccontatemi la vostra esperienza, ormai lo sapete, sono una curiosona! :-) 

Un abbraccio
Irene 

P.S. se volete approfondire l'argomento, vi consiglio di leggere questi post di Alice (qui e qui), Elena e Francesca in cui vengono descritte le varie tipologie di velo. Io li ho trovati estremamente interessanti e completi.

2 commenti:

  1. accidenti! eri proprio bellissima! ma il tuo velo era una meraviglia...con il merletto in fondo e lunghissimissimo!!!!!
    bacioni Valeria e buone vacanze!

    RispondiElimina
  2. ...va be tu sei stupenda è chiaro che stavi benissimooooo!!!!
    il mio abito è con un po di pizzo..nn tanto xke nn m piace.. e senza sapere questa regola stavo gia optando x un velo semplice ...
    Lo vorrei anche corto xke essendo inverno tra pelliccia e guanti mi sento troppo accessoriata :-P

    RispondiElimina

Fammi sapere cosa ne pensi!